La Vetrina Perfetta – Le 10 Regole

Le 10 regole per allestire al meglio il Tuo negozio di Ottica

Quante volte, incontrando una persona per la prima volta, ci facciamo un’idea su di lei che molto probabilmente non corrisponde alla realtà ma che comunque deriva da fattori oggettivi come il modo di vestire, di parlare, di muoversi…?

Ora invece prova a pensare che l’incontro sia tra te ed il tuo futuro cliente:

Quale pensi che sia l’elemento iniziale che lo spingerà a farsi un’idea su di te e sulla attività (e di conseguenza decidere se sceglierti o meno come suo fornitore di occhiali)? Potrebbero essere i tuoi vestiti? Il tuo tono di voce? Oppure il sorriso e la simpatia con cui l’hai accolto in negozio?

Di certo questi sono elementi fondamentali per fare colpo sui tuoi clienti, ma in realtà devi pensare che il primo contatto in assoluto non avviene tra te, Ottico, ed il tuo potenziale cliente, bensì tra il cliente e quello che è il tuo vero biglietto da visita: la Vetrina.

La Vetrina è la prima cosa che il cliente vede di te, è l’immagine della tua attività commerciale che decidi di dare al mondo ed il richiamo che serve a suscitare nei passanti la voglia di entrare nel tuo negozio e acquistare un paio di occhiali.

Ecco allora il motivo per cui abbiamo deciso di stilare le 10 regole della Vetrina Perfetta: rendere il tuo biglietto da visita il più efficace possibile, tenendo conto anche dell’allestimento della merce all’interno, perché dopo essere riuscito a fare entrare il tuo futuro cliente… devi anche dargli dei buoni motivi per cui restare!


#1 – SEMPLICITÀ e COERENZA

Cercare di riempire tutti gli spazi vuoti della vetrina con occhiali o decorazioni si rivela sempre la scelta più sbagliata.

Quando inizi ad allestire la tua vetrina pensa prima di tutto su quale prodotto vuoi puntare questo mese e rendilo il protagonista: fai ruotare tutto attorno ad un occhiale o un preciso marchio senza caricare troppi elementi, vedrai che una volta iniziato il lavoro… la vetrina verrà da sé!


#2 – CREA UNA STORIA

Come già anticipato al punto #1 è bene che ogni elemento sia collegato con il resto della composizione: questo serve principalmente a dare un senso di unità agli occhi del passante che in caso contrario potrebbe sì fermarsi davanti alla tua vetrina ma per storcere il naso, fare dei commenti poco felici e andarsene via con un brutto ricordo.

Fai quindi in modo che ci sia sempre un trait d’union tra prodotti presentati e elementi decorativi e non solo all’interno della stessa vetrina, ma anche tra questa e l’allestimento interno.

Sei a corto d’idee? Prendi il calendario e guarda quali sono le festività in arrivo!


#3 – LA REGOLA DEL 3 (x3)

Per evitare che la tua vetrina sembri un’accozzaglia di prodotti “in fase di allestimento” usa la regola del 3: pensa alla merce che vuoi esporre e con questa crea dei gruppi da 3 elementi lavorando sia dal punto di vista verticale che orizzontale: la disposizione verticale (e più ancora piramidale) è infatti ciò che attira principalmente l’attenzione dei passanti, quella orizzontale serve invece ad accompagnare e a mantenere sulla vetrina lo sguardo di chi guarda.

Perché la regola del 3×3? Perché 3 è il numero (massimo!) di colori da usare all’interno della vetrina.

Parti sempre dall’idea di una vetrina monocolore e sulle stesse tonalità – questo dona sicurezza nell’inconscio di chi guarda – e arriva ad una massimo di tre colori, ricordandoti sempre che 1) è di estrema importanza abbinarli al tema scelto per la tua vetrina e 2) che ogni colore veicola determinate sensazioni utili per trasmettere precise emozioni ai tuoi clienti.


#4 – LA VETRINA FINISCE DOVE INIZIA IL MARCIAPIEDE

Puoi avere la vetrina più bella del mondo, ma se l’esterno della tua attività non è ben decorato c’è poco da fare…

Qui non si parla di avere il negozio in un palazzo storico o in edifici di prestigio, ma di rendere il più piacevole possibile l’ambiente esterno: più sarà accogliente da fuori, più i clienti vorranno entrare!

Come fare? Inizia con il mettere qualche pianta decorativa all’esterno, o aggiungere elementi come sedie colorate da riporre all’interno alla chiusura, dove anche chi non viene a comprare i tuoi prodotti può sedersi. Questo contribuirà a rendere la zona esterna un piccolo luogo di ritrovo e a ravvivare quindi l’ambiente.


#5 – ILLUMINAZIONE

Imposta un sistema di luci che sia in grado di dare risalto ai tuoi prodotti, ma soprattutto ricorda che la tua vetrina si deve vedere sempre, e bene, anche quando il negozio è chiuso – e quando le altre vetrine non si vedono.

Un buono spunto da cui partire può essere la presenza di led nella vetrina stessa, fino ad arrivare all’utilizzo di lampade da esterno dalle forme singolari e dalle tonalità tenui che attirino sì l’attenzione dei passanti, ma senza accecarli.


#6 – AD OGNI PUBBLICO LA SUA VETRINA

Un’altra cosa bisogna avere bene in mente quando si decide di allestire una nuova vetrina: il Target dei clienti che vuoi fare entrare in negozio.

È chiaro che se decidiamo di promuovere una linea molto elegante e sofisticata dobbiamo cercare di attrarre una clientela di questo tipo, e quindi la nostra vetrina dovrà essere creata secondo dei precisi criteri di stile.

Viceversa se è settembre e vogliamo fare una campagna di rientro a scuola, e quindi puntiamo alla vendita di occhiali per bambini, è bene allestire una vetrina divertente e colorata che attiri la loro attenzione.


# 7 – LA POSIZIONE DEGLI OCCHIALI

Questo punto è rivolto principalmente all’allestimento interno della merce, ma può essere applicato anche alla vetrina.

Ciò che bisogna avere bene in mente è che l’esposizione degli occhiali non può essere dettata dal caso o dagli spazi vuoti che dobbiamo riempire, ma deve essere ben studiata in base alla sua funzionalità.

Un esempio? Se devi decidere dove posizionare un occhiale da sole punta alle zone più illuminate del tuo negozio o, ancora meglio, mettili vicino a dove entra la luce naturale: in questo modo il cliente che li prova può vedere bene la differenza che le nuove lenti possono fare se indossate.


#8 – IL CLIENTE SCEGLIE QUELLO CHE TU VUOI CHE SCELGA

Lo sai che il posizionamento dei tuoi occhiali influisce sulle vendite?

Secondo le regole dello Shelf Marketing, letteralmente il “marketing dello scaffale”, è bene posizionare la merce che crea più profitto all’altezza degli occhi dell’acquirente medio (solitamente è donna e l’altezza è va dal 1,65 all’ 1,70 mt).

Questa posizione serve a migliorare la visibilità dell’occhiale all’interno del negozio, rendendolo più presente nella mente dei nostri clienti e aumentando così le probabilità che esso venga acquistato.

Se, al contrario, non mettiamo bene in mostra un occhiale il nostro cliente farà fatica a notarlo, e ancora più difficile sarà spingerlo all’acquisto di quel preciso prodotto: è per questo che è consigliato mettere gli occhiali più economici negli scaffali più bassi e più alti – ovvero quelli meno agevoli da raggiungere.


#9 – IDEE CHIARE E ZERO IMPROVVISAZIONE

Non siamo teatranti che hanno bisogno di rimediare alla battuta sbagliata della nostra spalla e tantomeno musicisti Jazz nel bel mezzo di una Jam Session.

Prima di cominciare ad allestire vetrina ed interni devi focalizzarti sull’obiettivo che vuoi ottenere.

Premesso che in ogni caso l’importante è attirare l’attenzione dei passanti, gli intenti possono essere essenzialmente due: promuovere o emozionare. Nel primo caso l’allestimento sarà di tipo commerciale e dovrà quindi puntare sulle informazioni necessarie alla vendita, sui prodotti più venduti o sul miglior prezzo.

Nel secondo caso ci si occuperà invece della realizzazione di un allestimento dal tono più artistico, in grado di affascinare il cliente e colpirlo con la fantasia e l’immaginazione.


#10 – PER FARE CENTRO, PARTI DAL CENTRO!

Mai sentito parlare di Punto Focale della Vetrina?

Si tratta del primo punto che inconsciamente siamo portati a guardare quando posti di fronte ad una vetrina, ed è situato al centro ad un’altezza di 1,5 mt.

Ma questo cosa vuol dire? Che il punto focale è il punto migliore per posizionare gli occhiali o le informazioni a cui vogliamo dare più risalto all’interno della nostra vetrina: qui è dove viene focalizzato il 100% delle attenzioni del nostro sguardo.

L’attrazione creata diminuisce gradualmente passando prima agli elementi posti sulla destra e poi a quelli a sinistra, per poi alla fine abbassarsi in modo eguale nelle parti superiori e inferiori della vetrina.


Noi ti abbiamo svelato le principali regole per attirare i tuoi futuri clienti oltre la soglia d’ingresso, ora tocca a te mettere in campo la tua professionalità e la tua esperienza per farli uscire con un acquisto.

…Perché se è vero che la prima immagine viene prima di tutto,

quel tutto sei Tu a farlo!

SERVE AIUTO?

Puoi contattarci per qualsiasi cosa.

Invio in corso...

©2017 | PERLOTTICO - Pensato e Sviluppato da ITexperience | P.IVA:04080190277 | Policy

Perlottico

Accedi con le tue credenziali

o    

Ha dimenticato i tuoi dati?